Il Mondo di Steve McCurry

Alle porte di Torino, nella cornice della straordinaria Reggia di Venaria Reale dal 01/04/2016 – 25/09/2016 sarà presente l’esposizione di uno dei più grandi e famosi fotografi contemporanei, fonte di ispirazione per molti professionisti e non, Steve McCurry.

http://www.lavenaria.it/
http://www.lavenaria.it/

La mostra che si tiene alla Citroniera delle Scuderie Juvarriane ci regalerà la possibilità di vedere ben oltre 250 capolavori del fotografo, quali la celebre fotografia della ragazza afgana, conosciuta in ogni angolo del mondo.

McCurry si concentra sulle conseguenze umane della guerra, mostrando non solo quello che la guerra imprime al paesaggio ma, piuttosto, sul volto umano. Egli è guidato da una curiosità innata e dal senso di meraviglia circa il mondo e tutti coloro che lo abitano, ed ha una straordinaria capacità di attraversare i confini della lingua e della cultura per catturare storie di esperienza umana. “La maggior parte delle mie foto è radicata nella gente. Cerco il momento in cui si affaccia l’anima più genuina, in cui l’esperienza s’imprime sul volto di una persona. Cerco di trasmettere ciò che può essere una persona colta in un contesto più ampio che potremmo chiamare la condizione umana. Voglio trasmettere il senso viscerale della bellezza e della meraviglia che ho trovato di fronte a me, durante i miei viaggi, quando la sorpresa dell’essere estraneo si mescola alla gioia della familiarità”.

Il ritratto più famoso di McCurry, Ragazza afgana, è stato scattato in un campo profughi vicino a Peshawar, in Pakistan. L’immagine è stata nominata come “la fotografia più riconosciuta” nella storia della rivista National Geographic ed il suo volto è diventato famoso ed è ora ricordato come “la foto di copertina di giugno 1985”. La foto è stata anche ampiamente utilizzata sulle brochure di Amnesty International, su poster e su calendari.

L’identità della “Ragazza afghana”, è rimasta sconosciuta per oltre 17 anni finché McCurry ed un team del National Geographic trovarono la donna, Sharbat Gula, nel 2002. Quando finalmente McCurry la ritrovò, disse: “La sua pelle è segnata, ora ci sono le rughe, ma lei è esattamente così straordinaria come lo era tanti anni fa”.

(fonte: it.wikipedia.org)

La reggia di Venaria Reale

La reggia di Venaria Reale è una delle Residenze Sabaude iscritta nella Lista del Patrimonio UNESCO dal 1997; fu progettata dall’architetto Amedeo di Castellamonte nella seconda metà del XVII secolo su commissione del duca Carlo Emanuele II che intendeva farne la base per le battute di caccia nella brughiera collinare torinese.

(fonte: http://www.mostrastevemccurry.it/#sede)

Orari:

Da martedì a venerdì ore 9.00 – 17.00
Sabato, domenica e festivi ore 9.00 – 19.00
Lunedì chiuso
La biglietteria chiude un’ora prima

Festività

Lunedì 25 Aprile 9.00 – 19.00

Costo del biglietto:

Intero € 12,00

Tutti i biglietti includono l’audioguida della mostra disponibile in italiano ed in inglese. Il servizio di prenotazione è gratuito.

Informazioni:

http://www.mostrastevemccurry.it/

Cosa visitare Torino, ti potrebbero interessare:

Ora è il tuo turno. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi!