Scoprire Riquewihr e Ribeauvillé, villaggi da favola lungo la strada dei vini d’Alsazia.

L’Alsazia è una terra ricca e straordinaria, in cui ritrovarsi circondati da vigneti che si estendono a perdita d’occhio.

E proprio qui è presente la più antica strada del vino di Francia, che dal 1953 è diventato un’importante percorso eno-gastronomico, chiamata semplicemente “la strada dei vini d’Alsazia” anche se suona più poetico in francese “La route des vins d’Alsace”.

La strada dei vini si estende per 170 km, comprendendo 67 comuni, da Thann (sud) fino ad arrivare a Marlenheim (nord), attraversando il Basso e l’Alto Reno (Bas-Rhin e Haut-Rhin).

credit - route-des-vins-alsace.com
PhotoCredit: route-des-vins-alsace.com

I vini prodotti sono di altissima qualità e provengono da sette vitigni principali: Sylvaner, Pinot bianco, Riesling, Moscato d’Alsazia, Tokay Pinot grigio, Gewurztraminer e Pinot nero. Una vera delizia per il palato.

Inutile dire che le tappe principali, per chi percorre questa strada, sono le winstubs e le caves (cantine) dove degustare questi vini… senza dimenticare di accompagnarli con i piatti tipici dell’Alsazia.

Oltre a bellissimi panorami sui vigneti e colline, la strada dei vini offre anche straordinarie favole, da vivere nei colorati villaggi, circondati da antiche mura medievali, ruderi di castelli, case con le tipiche strutture in legno e molto altro ancora.

Lungo questo poetico percorso, mi sono innamorata di alcuni villaggi che sembrano essere usciti dalle favole e che in questo articolo mi piacerebbe farvi conoscere: Riquewihr e Ribeauvillé.

Riquewihr

Il villaggio di Riquewihr, detto anche la gemma dei vigneti, è uno dei villaggi più belli di Francia, si trova a 15 km da Colmar  e 70 km a sud di Strasburgo.

Appena varcate le mura che circondano Riquewihr, la sensazione è quella di essere finiti in una favola disneyana, infatti, gira voce che il paese di Belle, La Bella e la Bestia, sia proprio il villaggio di Riquewihr, o almeno è stato di ispirazione ai disegnatori della Disney.

Credit: wonderfulplaces.altervista.org
PhotoCredit: wonderfulplaces.altervista.org

Le case brillano di vivaci colori, caratterizzate dalle pareti a graticcio, le finestre in legno, le stradine a ciottoli, le fontane con il loro gorgolio, gli antichi pozzi, ora diventati preziose fioriere, le porticine. Tutto in questo piccolo villaggio è poesia e magia.

Per girare il villaggio basterebbe in realtà un’ora, forse anche meno…ma non si può fare a meno di fermarsi ad ogni passo e ripercorrere le stradine, più e più volte.

Perdersi nei dettagli di ogni casa, i gingilli appesi alle finestre, i fiori, le travi in legno storte, gli attrezzi ormai non più in uso e diventati degli originali abbellimenti, i rampicanti lungo le pareti o gli archi. Tutti questi dettagli impreziosiscono questo villaggio.

Strada dei vini Alsazia - Riquewihr instagram

Strada dei vini Alsazia - Finestra 3

Strada dei vini Alsazia - Rue Sebastopol
Strada dei vini Alsazia - Rue Laterale

Strada dei vini Alsazia - Rue la Couronne

Guardo l’insegna di una boutique “Melodie de la vie” in  rue des Remparts e penso che è proprio vero – la vita è come una melodia che qui a Riquewihr ha dei toni tanto dolci e leggeri.

Strada dei vini Alsazia - Melodie de la vie

Dove mangiare

La scelta del ristorante è stata dura…ma alla fine mi sono fermata in Rue de la Couronne, 7 al ristorante “La Grenouille” attratta dalla loro insegna e poi…da tutto un mondo di oggettini e dettagli a forma di rana.

Strada dei vini Alsazia - Ristorante Le Grenouille

Diverse erano le cose che volevo assaggiare…ma da qualche giorno avevo voglia di spatzle, gnocchetti di pasta irregolare…pancia mia fatti capanna, una grande terrina di Spatzle gratinati al formaggio e cotoletta con patatine o meglio conosciuta come wiener-schnitzel (di cui non ricordo il nome in francese  😕 ), tutto accompagnato da Gewurztraminer e Riesling. Se dovessi tornare…andrei di nuovo qui!

Ribeauvillé

A 5 km da Riquewihr, si trova un altro paesino anch’esso molto bello, Ribeauvillé.

Arrivando al paese, già lungo la strada si intravedono 3 castelli: Saint Ulrich, il più antico e importante tra i tre, Girsberg e Haupt-Ribeaupierre. Tutti i castelli sono accessibili percorrendo dei sentieri fuori dal paese.

Ribeauvillé, come anche Riquewihr, ha molte testimonianze medievali che sono ancora visibili tutt’oggi, come le mura, le torri e gli edifici.

Ma, quello che affascina, sono le stradine e le sue case caratteristiche.

Per chi è interessato, sono organizzati delle visite guidate gratuite della città, dal Martedì al Venerdì e la Domenica (da maggio fino a settembre). Orari delle visite: 10.00, 11.00 e 14.00. Punto di incontro: Town Hall.

Ribeuvillé è un paese più sobrio, se confrontato con Riquewihr, ma non per questo meno bello…ha un fascino diverso…meno favola Disney, per intenderci.

Strada dei vini Alsazia - Beauvillé 1

Strada dei vini Alsazia - Ribeauvillé 10

Strada dei vini Alsazia - Beauvillé 6

Strada dei vini Alsazia - Ribeauvillé 12

Strada dei vini Alsazia - Ribeauvillé 11

Da non tralasciare

Anche qui, ciò che più mi ha colpito sono state le case curate nei loro dettagli, lasciando in secondo piano la sua importanza storica, certamente meritano di essere visitati anche altri luoghi ed edifici, tra cui:

Pfifferhus, la casa dei menestrelli. La finestra porta l’iscrizione “Ave Maria Gracia Plena” richiamando il pellegrinaggio al santuario di Dusenbach dedicato alla Vergine Maria.

Strada del vino Alsazia - Pfifferhuss

Torre Butcher costruita nel 1290 ed oggi un emblema della città

Chiesa di San Gregorio

Piazza de la Sinne

Casa Siedel

e molto altro ancora.

Quando visitare l’Alsazia?

I periodi più belli per visitare questa regione sono la da maggio a settembre, quando le temperature sono più miti, le giornate più lunghe e i paesini si ravvivano di mille feste, come quella del vino e del Gewurztraminer a fine luglio, il carnevale veneziano di Riquewihr a inizio luglio.

Ma anche l’autunno è un periodo eccezionale, i vigneti si colorano dei colori caldi autunnali…e i paesaggi diventano estremamente romantici…e inoltre inizia la vendemmia.

Natale, aggiungere alla poesia dell’Alsazia anche la magia dei mercatini di natale di Colmar o di Strasburgo.

Praticamente ho incluso tutto l’anno…ma semplicemente perché questa è una regione viva sempre…sempre troverete qualcosa da fare o da vedere.

Piatti tipici dell’Alsazia

Siete in un winstub o in un ristorante tipico, cosa scegliere…tra i vari nomi buffi o difficilmente pronunciabili?

La choucroute, lo troverete praticamente ovunque e sono crauti fermentati accompagnati a patate e a diverse salsicce e carni di maiale affumicate.

Il Foie Gras che nasce proprio qui in Alsazia.

La flammekueche, una tarte flambée con varie farciture.

Il baeckeoffe, un nome importante per indicare una zuppa di patate, carote ed altre verdure che accompagnano il lesso.

Lo Schiffele, spalla di maiale affumicata.

Il Jambonneau ovvero lo zampone.

Coq au riesling, il gallo cotto nel vino bianco alsaziano.

Spätzle, gnocchetti di pasta grossa e irregolare che in altri tempi si faceva in casa.

Passando ai dolci: da assaggiare il celebre pain d’épices, molto diffuso nella zona, o il kougelhopf, deliziosa brioche con uvetta.

Anche voi, come me, siete affascinati dai luoghi da “favola”?

13 thoughts on “Riquewihr e Ribeauvillé, lungo la strada dei vini d’Alsazia”

  1. Mio dio, ma è possibile che esistano dei colori così belli? e degli scorci così incantevoli da rubarti il cuore?!
    Altro che un’ora, io resterei a Riquewihr a vita!!! 😀

    Grazie per avercene parlato Meli, è da tanto che sogno di andare in Alsazia. Magari mi farò un giro ..da Strasburgo sarà sicuramente possibile raggiungere Colmar e Riquewihr magari anche in treno! 😀
    Un bacione <3

    1. Riquewihr è stata una straordinaria scoperta, sembravo una bambina a Disneyland.
      Secondo me, per scoprire l’Alsazia, l’ideale è percorrerla in auto o per gli sportivi in bici. Per poter ammirare i vigneti e fermarsi anche nelle località più piccole e non sempre servite da treni o autobus.
      Con il treno/autobus, forse conviene visitare le principali città in questo ordine: Strasburgo – Colmar – Riquewihr e poi se c’è ancora tempo, continuare a scendere giù.

      Un bacio anche a voi e grazie mille per essere passati a trovarmi in Alsazia!

  2. Ciao Melina, non avevo la più pallida idea che l’Alsazia fosse così tremendamente stupenda! Sembra di passeggiare in quei paesini delle fiabe, i dettagli poi sono curatissimi! Sì, decisamente ci voglio andare! !! Grazie di avermela fatta scoprire!

  3. Uhh che bello non avevo associato le casette a graticcio a La bella e la bestia! Che bei “dietrolangolo” che hai scovato! Ma sei stata anche ad Eguisheim?
    E’ un villaggio dalla struttura ancora più unica perchè è a cerchio! Peccato che avessi i minuti contati altrimenti l’avrei visitato, anche perchè a soli 7/8 km da Colmar.
    Comunque è vero: si regredisce a 8 anni in quei posti da favola 😉
    Un bacio Mel!

  4. Sono adorabili questi paesini! Viene voglia di mettersi un cestino al braccio e attraversarli cantando proprio come Belle… specialmente dopo un pellegrinaggio di cantina in cantina ahaha
    Non sono molto informata sull’Alsazia, ma mi hai fatto venir voglia di scoprirne di più, sembra incantevole 🙂

    1. Immagina di guardare in ogni direzione e vedere filari di viti di un verde lussureggiante che corrono sinuosi su colline. Per poi giungere in piccoli villaggi dove l’asfalto delle strade termina e iniziano i vicoli acciottolati, case colorate da favola. L’Alsazia è pura poesia! Meravigliosa!

Ora è il tuo turno. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi!