Barcellona ispira sempre un grande fascino e non stanca mai andarla a visitare. Se siete lì per la prima volta e avete diversi giorni a disposizione oppure se siete tornati per l’ennesima volta? Da inserire tra le tappe dell’itinerario anche la visita al Monastero di Montserrat.

 

Montserrat, il monastero più importante e significativo della Cataluña, è un luogo di profonda spiritualità per i credenti ma anche per i non credenti, dove storia, natura e religione si incontrano e si fondono in modo armonico.

Per altre informazioni su Barcellona, puoi essere interessato a questi articoli:
Palau de la musica catalana
Barrio Gotico
Rambla di Barcellona
Il mercato La Boqueria

montserrat-vista-esterna

Era da un bel po’ di tempo che ero incuriosita dal monastero, ma ancora non mi ero decisa a mettere in agenda la sua visita…perché Barcellona ti cattura e sembra non volerti lasciare andare.

Ma l’ultima volta ho vinto il suo potere ammaliatore e via, senza pensarci due volte, sono salita sul treno, direzione Montserrat.

E ora a posteriori, mi chiedo perché non l’ho fatto prima.

Si, è vero è fuori Barcellona, si, ho sottratto tempo ad una delle tante scoperte della città, ma quello che ho visto e provato, ora posso dire che ne valeva proprio la pena.

Perché visitare Montserrat?

L’architettura della Basilica

Per la magnificenza dell’architettura gotica della Basilica a cui si uniscono forme rinascimentali e dell’architettura tradizionale catalana.

montserrat-atrio

La Basilica è stata oggetto di un’importante opera di restaurazione per poterla riportare alla sua bellezza. Oggi rappresenta uno dei monumenti più originali della Cataluña, dove poter apprezzare lo stile di transizione dal gotico al rinascimento.

montserrat-pulpito

A seguito della restaurazione, la Basilica ha perso i suoi caratteri austeri lasciando posto a dettagli eclettici e di luce grazie a diverse aperture che permettono di illuminare gli interni.

montserrat-basilica-interni-2

montserrat-interni-basilica

Curiosità: lungo la navata sono stata attratta dalla presenza di numerosi candelabri che poi ho scoperto che simboleggiano le persone catalane che guardano e sorvegliano la madonna di Montserrat.

montserrat-candelabri-2

montserrat-candelabro

Entrare all’interno della Basilica è un’esperienza intensa con la capacità di donare un grande senso di tranquillità.

Il consiglio è quello di sedersi in uno dei banchi e rimanere in silenzio, con sguardi rivolti all’altare e all’immensità della basilica.

Prendetevi il tempo necessario per fissare nella mente le sensazioni di quel momento e la bellezza artistica presente.

La Madonna nera

L’attrazione principale, per coloro che vengono in pellegrinaggio o semplicemente in visita al Montserrat, è la Madonna nera (La Moreneta), santa patrona della Cataluña dal 1881.

montserrat-ingresso-santuario

montserrat-santuario-dettagli

La storia vuole che la statua sia stata scolpita a Gerusalemme ai tempi della nascita della religione. Attualmente molte sono le statue ad essa ispirate che si trovano un po’ in tutto il mondo.

Qualche informazione: la Madonna nera si trova nella parte posteriore della Basilica.

Dovete accedere ad una porta laterale per poterla ammirare. Lungo il percorso sono presenti diversi archi arricchiti egregiamente, in metallo e in pietra.

L’entrata è gratuita, basta avere un po’ di pazienza, in genere le code per entrare sono di 30-45 minuti.

Un consiglio, potete visitarla intorno alle 13.00, quando i tempi di attesa sono più brevi.

Coro di Montserrat

Il monastero di Montserrat è conosciuto anche per il suo melodioso coro di voci bianche, l’Escolania. 

Curiosità: già intorno al 1200 al Montserrat era presente un coro e da lì la nascita di un’importante scuola di musica dedicata.

Qualche informazione: le esibizioni del coro possono essere ascoltate due volte al giorno. Fatta eccezione in alcuni periodi dell’anno.

Dal lunedì al venerdì, alle ore 13.00 – Salva e Virolai e la domenica alle ore 12.00

Dal lunedì al giovedì, alle 18.45 – Salve montserratina e vespri

Non sono previsti canti il sabato.

Le esibizioni si tengono nella basilica di Montserrat.

Visitate il sito del coro per altre informazioni.

La natura del Montserrat

Il monastero si trova sul monte Montserrat (che significa “frastagliato”) di formazione sedimentaria, che con il tempo ha assunto forme arrotondate molto particolari, regalandogli un aspetto magico.

montserrat-monte

Diversi i sentieri presenti (tutti ben segnalizzati) che permettono di partire alla scoperta della sua natura e degli incantevoli panorami.

Non è finita qui

Oltre alla Basilica, da non perdere è la visita al Museo che raccoglie circa 1300 opere, tra cui alcune opere di Picasso, Dalì e Caravaggio.

L’insieme copre un ampio spettro storico, pensate che l’opera più antica è un sarcofago egizio del XIII sec. aC fino ad arrivare ad opere moderne.

Informazioni: potete visitare il museo tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.45.

Il prezzo del biglietto intero è di 7,00 euro.

Ma come arrivare?

Il monastero di Montserrat si trova a circa 50 km da Barcellona ed è raggiunbile con mezzi pubblici.

Da Plaça d’Espanya a Barcellona prendere il treno R5 fino alla fermata Aeri de Montserrat.

Da lì prendere la funicolare che porta fino al monastero.

montserrat-funivia

Oltre alla funicolare è possibile raggiungere il monastero mediante la Cremagliera. In questo caso, sempre prendendo il treno R5 la fermata finale sarà Monistrol-Vila.

Al momento dell’acquisto del biglietto del treno, potete optare per l’acquisto di un biglietto combinato, includendo anche il biglietto per la funicolare, mentre il biglietto della cremagliera deve esssere acquistato direttamente nella stazione di Monistrol-Vila.

Per informazioni su prezzi e orari potete consultare il sito FGC (treno) e il sito cremallerademontserrat.

monastero-di-montserrat-copertina

5 thoughts on “Monastero di Montserrat: percorso tra natura e spiritualità”

  1. Che bello! mi hai riportato indietro al mio viaggio di maturità…a barcellona, 7 giorni con due amiche! 🙂 ed uno di questi fu dedicato ad una escursione a Montserrat organizzata da me! bellissimi ricordi!!! <3

  2. Il paesaggio ricorda Meteora, in Grecia. Non conoscevo questo monastero quando visitai Barcellona.. la prossima volta una giornata la dedico volentieri a questa escursione 🙂

  3. Credo che sia una di quelle “attrazioni” che meritano da sole il viaggio. Quindi andare a vederlo da Barcellona cista, eccome! In uno splendido contesto naturalistico, tutta la bellezza dell’archiettura interna ed esterna.

Ora è il tuo turno. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi!