Tra le varie meraviglie della Spagna, ho scoperto un debole per l’arte Mudejar presente in varie regioni, tra cui Aragona. In questo mio roadtrip, ho voluto conoscere un po’ più da vicino le sue bellezze architettoniche. Tra le varie tappe, non potevo dimenticare di includere la città di Catalayud.

Catalayud è ricca di opere architettoniche di origine Mudejar, tanto da essere essere state dichiarate Patrimonio dell’umanità UNESCO dal 2001.

Ma cosa vuol dire Mudejar? 

L’arte Mudejar è legata al periodo seguente al dominio islamico in Spagna, nei territori da loro chiamati al-Andalus (da cui ha poi avuto origine Andalusia).

E’ legato agli artisti musulmani che si trasferirono nelle terre iberiche e che qui fondarono le loro comunità permanenti nel periodo cristiano.

Mude –> mudar = trasferirsi

Al popolo musulmano fu concesso il permesso di continuare a vivere in Spagna, di seguire la proprio cultura e religione ed esprimere così, tramite l’arte le loro origini.

Ciò venne espresso anche nelle opere architettoniche, in cui gli elementi cristiani si fondono con gli elementi della cultura islamica.

Anche se non si può parlare di un’unica espressione di arte Mudejar, infatti, nei vari territori della Spagna, acquisisce delle caratteristiche peculiari che la distingue.

Per questo non mi stancherò mai di andare alla scoperte delle loro opere, come ho già avuto occasione di ammirare nello splendido Alcazar di Siviglia e a Teruel.

Caratteristica principale dell’arte Mudejar è:

  • l’uso di materiali economici e di facile reperibilità, quali legno, pietra, gesso e ceramica, ma soprattutto l’uso di mattoni (ladrillos) caratterizza le opere, un materiale friabile che si degrada con il tempo, perché per loro nulla dura in eterno
  • non lasciare nulla in bianco, tutti gli spazi devono essere decorati e colorati
  • coperture dei soffitti in legno decorato
  • l’uso dei color verde, oro, rosso
  • abbondante uso di elementi in caratteri arabi, della natura e geometrici

Ma ora veniamo a questa giornata alla scoperta del Mudejar e….altro a Catalayud

Passeggiare nel mudejar di Catalayud

Le tappe fondamentali sono:

Colegiata de Santa Maria la Mayor

L’opera più importante della città è la Colegiata de Santa Maria la Mayor, uno degli esempi più rilevanti dell’opera mudejar aragonese.

Questa chiesa fu eretta su un’antica mezquita intorno al 1100.

Riconoscibile per la sua alta torre ottagonale di 72 metri di altezza.

Ma se la si osserva attentamente, in sé racchiude anche elementi di stile barocco e rinascimentali che si possono vedere all’esterno nel suo portale in alabastro.

calatayud-colegiata-santa-maria-2

Iglesia de San Pedro

La chiesa si trova nel centro storico di Calatayud, a pochi passi da Piazza di Spagna.

Al suo interno fu proclamato il primo governo della Comunità Autonoma di Aragona.

Le sue caratteristiche principali sono il suo portale è di stile gotico mentre l’abside e la torre sono in stile mudejar.

Altra caratteristica, è la torre che guardandola attentamente si vede che non è perfettamente verticale ma lievemente inclinata.

calatayud-aragona-iglesia-de-san-pedro

 Iglesia de San Andrés

La chiesa di San Andrés, per il suo orientamento fa ipotizzare che in passato fosse una mezquita.

Alto elemento che confermerebbe tale ipotesi è la sua torre che si distacca dal corpo dell’edificio per innalzarsi.

Col passare dei secoli, l’interno della chiesa ha subito diverse modifiche e ampliazioni che si mostrano oggi con elementi rinascimentali visibili nelle navate laterali e centrali.

calatayud-torre-mudejar-2

Catalayud è altro ancora… 

Colegiata del Santo Sepulcro

Di stile sobrio, è un’opera dall’impronta barocca e rinascimentale, anche se conserva elementi del gotico-mudejar.

calatayud-colegiata-santo-sepolcro-2

calatayud-colegiata-del-santo-sepulcro

Purtroppo, non ho avuto la possibilità di visitarne gli interni, perché in corso i lavori di restauro.

Quindi mi sono persa la vista della cupola che si dice ricorda la cupola di San Pietro a Roma e gli otto altari laterali che raccontano la passione di Cristo.

Iglesia de San Juan el Real

La chiesa di San Juan El Real è un’altra tappa fondamentale in una visita a Calatayud.

calatayud-iglesia-de-san-juan-el-real

Al suo interno è presente una delle primissime opere di Francisco de Goya.

A lui fu commissionato la decorazione della cupola centrale (1766).

In questa opera rappresentò quattro padri della chiesa occidentale: San Agostino, Sant’Ambrogio, San Geronimo e il papa San Gregorio, il Grande.

calatayud-goya

calatayud-iglesia-de-san-juan-el-real-2

Il cioccolato, piccolo peccato di gola

La vicinanza al Monastero di Pietra, a Nuevalos, fanno si che anche a Calatayud sia forte la tradizione del cioccolato.

Come non lasciarsi andare a questo peccato di gola?

calatayud-cioccolato

 Juderia

Camminare nell’antico quartiere ebraico della città, tra le piccole stradine circondate da case strette tra loro e i panni stesi fuori.

Calatayud - Juderia

Informazioni utili

Il sito del turismo di Calatayud, dove trovare informazioni anche sui sentieri naturalistici e informazioni sui centri termali.

Questa zona è rinomata anche per le sue acque termali altro importante motivo di attrazione.

4 thoughts on “Calatayud e il patrimonio Mudejar”

Ora è il tuo turno. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi!